Come lavoriamo

Crediamo con convinzione che, nel campo dell’intelligenza artificiale, per massimizzare il ritorno sull’investimento (ROI), è cruciale che un team di esperti collabori in modo coeso con l’azienda cliente, valutando con attenzione la realizzabilità di ciascun progetto.
Il nostro approccio al lavoro si basa su principi di etica e trasparenza, e si articola nel seguente modo:

1

INCONTRO CONOSCITIVO

L’incontro conoscitivo è il primo passo del nostro processo di consulenza.
In questa fase analizziamo le esigenze dell’organizzazione e definiamo gli obiettivi del progetto di AI.
Per prepararci al meglio, anticipiamo alcuni giorni prima una serie di domande per consentire all’azienda di raccogliere per tempo le informazioni che ci servono (vengono anticipati anche gli accordi di riservatezza, NDA) e capire quali collaboratori coinvolgere nell’incontro.
Durante il meeting compileremo insieme le risposte, e svilupperemo un piano per la fase successiva, ovvero la produzione del benchmark.

 

2

PRODUZIONE DEL BENCHMARK

La produzione del benchmark è la fase in cui analizziamo i dati forniti dall’azienda per identificare le migliori pratiche  gestionali (best practice).
In questa fase, ci concentriamo su tre aspetti principali:
  • La raccolta dei dati: il primo passo è raccogliere i dati necessari per il benchmark. I dati possono provenire da diverse fonti, come i sistemi informativi aziendali, i dati di mercato o le ricerche di settore.
  • L’analisi dei dati: una volta raccolti i dati, li analizziamo per identificare le tendenze e i modelli. L’analisi dei dati può essere effettuata utilizzando una varietà di tecniche, come l’analisi statistica, l’intelligenza artificiale o il machine learning.
  • La sintesi dei risultati: infine, sintetizziamo i risultati dell’analisi in un report. Il report fornisce una panoramica delle best practice identificate e dei loro potenziali benefici per l’azienda.
3

PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

Durante questo secondo incontro verranno presentati i risultati a cui si è giunti con il benchmark. Verranno proposte le possibili soluzioni e i relativi costi per ogni proposta, se dopo l’analisi si conviene che c’è l’utilità e la possibilità di introdurre progetti di intelligenza artificiale.
E’ bene precisare che questa fase serve per comprendere appunto se è fattibile introdurre progetti di AI e a quali risultati possono portare. In caso di non fattibilità sarà nostra cura spiegarne i motivi ed evitare all’azienda di imbattersi in progetti che potrebbero poi risultare fallimentari. 
Lo scopo di questa analisi deve mostrare un valore aggiunto, in modo che possa essere valutato e inserito in un piano progettuale successivo, più ampio.
Sottolineiamo che i documenti di benchmark e l’incontro di presentazione dei risultati sono gratuiti per l’azienda, a rischio zero. 

Garanzia a “Rischio ZERO”!

Ci impegniamo a operare con la massima trasparenza e credibilità, proponendo di condividere con l’azienda il processo di valutazione attraverso uno studio di fattibilità gratuito. Questo è un impegno che assumiamo a nostro carico, permettendo al cliente di valutarci in modo concreto.

Scopri di più